Scuola: nuova sanatoria per 80mila precari

scuola nuova sanatoria

Ottime notizie in arrivo per i precari italiani, compresi quelli che nei mesi scorsi non sono riusciti a superare l’ultimo concorso: pare infatti che nei prossimi cinque anni potrebbero ugualmente diventare di ruolo, tramite un procedura veloce che servirà ad assegnare 80mila cattedre prima dell’entrata in vigore delle nuove norme.

Secondo l’accordo su una delle deleghe della riforma della scuola approvato in Parlamento mercoledì 15 marzo, saranno immessi in ruolo circa 80mila precari tramite graduatorie regionali a scorrimento su tutti i posti vacanti e disponibili, in base al fabbisogno reale delle scuole. L’inserimento avverrà sulla base di “procedure di valutazione e selezione” per assicurare la continuità didattica e “tener conto di esperienza e titoli di chi già insegna.

Nelle indicazioni presentate dai parlamentari alle bozze di decreto si delinea inoltre la cosiddetta “fase transitoria” verso il nuovo reclutamento degli insegnanti: concorso dopo la laurea, tre anni di tirocinio e cattedra. Tale percorso dovrebbe così garantire anche insegnanti più giovani oltre che preparati e testati sul campo.

La proposta permetterebbe inoltre di far proseguire l’iter di assorbimento delle graduatorie a esaurimento (a cui per legge ogni anno è riservato il 50% dei posti liberi su cui si fanno assunzioni) e soprattutto l’assunzione dei vincitori del concorso del 2016, anche derogando al limite del 10% dei posti messi a bando. Sarebbero assunti dove ci saranno posti e necessità.

Nella fase transitoria tracciata dai pareri parlamentari sono inclusi anche i docenti abilitati, per i quali è previsto che “siano inseriti entro l’anno scolastico 2017/18 in una speciale graduatoria regionale di merito” sulla base dei titoli posseduti (compreso il servizio) e della valutazione conseguita in una apposita prova orale di “natura didattico-metodologica”, una sorta di mini-concorso.

Questi docenti saranno ammessi direttamente al terzo anno del nuovo percorso di ingresso nella scuola. Il percorso prevederebbe quindi una sorta di anno di prova rafforzato, durante il quale saranno valutati sul campo e a cui poi potrà seguire la definitiva immissione in ruolo. A questi docenti dovrà essere riservata una quota di posti vacanti decrescente nel tempo.

La fase transitoria prevede che i docenti non abilitati “che abbiano svolto almeno 3 anni di servizio entro il termine di presentazione delle domande siano ammessi a partecipare a speciali sessioni concorsuali loro riservate” che si svolgeranno in contemporanea al nuovo concorso del 2018. I vincitori saranno ammessi al percorso di formazione direttamente al secondo anno, con esonero dalla parte formativa e dei crediti avendo già insegnato per almeno 36 mesi.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*