La manutenzione degli estintori

manutenzione degli estintori

Le norme in fatto di prevenzione degli incendi presenti nel nostro paese obbligano diverse strutture edili ad essere corredate di un giusto numero di estintori. In genere le norme non ne indicano il tipo, ma descrivono solo il loro posizionamento e la loro quantità.

Un estintore può essere utilizzato per decenni, senza che la struttura esterna subisca danni evidenti. Perché un estintore funzioni sempre in modo corretto è però importante effettuare una corretta manutenzione.

La frequenza della manutenzione sugli estintori

Per quanto riguarda la frequenza di controllo e verifica degli estintori le norme sono molto chiare. Per tutti i tipi di estintore il controllo deve essere effettuato ogni 6 mesi; si tratta semplicemente in genere di un controllo visivo, per valutare se si trovano al loro posto o se sono stati utilizzati o anche manomessi in qualche modo.

Tale controllo deve essere effettuato da personale abilitato, come ad esempio i collaboratori ella ditta EuroFireAntincendio.com. Per ogni tipologia di estintore disponibile in commercio sono poi chiarite le tempistiche per la revisione, un’importante fase della manutenzione di questi accessori.

Gli estintori  portatili a polvere o carrellati a polvere devono essere revisionati ogni 3 anni; quelli portatili o carrellati a CO2 invece devono essere revisionati ogni 5 anni, in questa fase è obbligatorio anche sostituire la valvola dell’estintore.

Gli estintori idrici o a gas inerti devono essere revisionati ogni 2 anni, quelli con serbatoi inox devono essere revisionati ogni 4 anni. Gli apparati mobili antiincendio e gli estintori alogenari devono essere revisionati ogni 4 anni.

Come funziona la revisione

In caso di incendio è di fondamentale importanza che un estintore funzioni nel modo migliore possibile; per controllare se un accessorio di questo genere funziona è necessario avviarlo. Per questo motivo la revisione consiste nello svuotamento totale dell’estintore, per poi provvedere al riempimento.

Sul pescante di ogni estintore revisionato si pone poi una fascetta adesiva, su cui si indica l’anno e il mese della revisione. Tale fascetta servirà per calcolare il mese corretto per la seguente operazione di revisione.  Molte aziende si rivolgono ad una singola ditta per l’acquisto degli estintori, ma anche per le revisioni periodiche, in modo da stipulare una sorta di contratto di lunga durata.

In questo modo si ha la possibilità di preorganizzare ogni visita per il controllo e per la revisione ordinaria degli estintori, ottimizzando i tempi. Nel caso in cui un estintore sia stato utilizzato sarà opportuno riempirlo nuovamente.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*